I Beatles in India PDF

Leggi il libro di I Beatles in India direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di I Beatles in India in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su steamcon.it.
Steamcon.it I Beatles in India Image

DESCRIZIONE

Nel periodo che va dall'Estate dell'amore a San Francisco e l'offensiva del Tet dei vietcong in Vietnam, i Beatles, Donovan, un paio di Beach Boys, Mia Farrow (allora signora Sinatra) e pochi altri "figli dei fiori" si riunirono in un ashram ai piedi dell'Himalaya per meditare con il guru Maharishi, che diffuse in Occidente la Meditazione Trascendentale. Fu un evento seguito nel mondo e salutato come il primo incontro tra la cultura pop occidentale e il misticismo orientale. Ma ciò che avvenne all'interno di questo santuario ben protetto è rimasto in parte e a lungo misterioso e oggetto di voci e speculazioni. I Beatles ad esempio dissero che scrissero lì alcune delle loro più importanti canzoni, eppure John Lennon ne uscì amareggiato. Centinaia di giornalisti assediarono per giorni il santuario, ma uno solo fu ammesso all'interno: Lewis Lapham, un giovane esponente del movimento del new journalism, autore di alcuni tra i reportage più memorabili sulla guerra del Vietnam e sulla rivolta giovanile. Ne nacque questo racconto di cosa veramente successe in quei giorni, degli entusiasmi e delle incomprensioni dalle due parti, del confronto concreto tra due culture e due mondi che ancora oggi s'incrociano, si attraggono e si respingono.
DIMENSIONE 3,44 MB
ISBN 9788866327714
AUTORE Lewis Lapham
SCARICARE LEGGI ONLINE

16 febbraio 1968: i Beatles in India - Vinylane music

Lo stesso argomento in dettaglio: Soggiorno dei Beatles in India. Maharishi Mahesh Yogi (1967) Il 1968 si aprì con un viaggio in India a Rishikesh, presso Maharishi Mahesh Yogi, alla scuola di pensiero della "rigenerazione spirituale" di cui i Beatles erano nel frattempo diventati adepti.

The Beatles - Skuola.net

I Beatles però erano scesi dalla montagna con le trenta canzoni che compongono il White Album». E l'immagine dell'India in Occidente conservò a lungo gli echi armoniosi e languidi del sitar di George Harrison: una melodia di una dolcezza infinita.

LIBRI CORRELATI